Facebook

Condividi su Facebook
Lago di Garda, Europei di Club

10 Giugno 2012, incontro Italia-Cechia
Risultato finale: 6 a 6 (numero delle bottiglie di vino!)


Tutto nacque a gennaio da una mail del TR Register Ceco che esprimeva il desiderio di poterci incontrare durante le loro ferie che si sarebbero svolte sul Garda. Detto e fatto: l’incontro interclub tra alcuni soci del TR Register della Repubblica Ceca e gli omologhi Italiani si è tenuto domenica nella sempre bella cornice Gardesana.
Ma passiamo alla cronaca.
Già alcuni dei nostri, chi a causa della non più giovanissima età, chi della mancanza di allenamento chilometrico, si erano preparati all’incontro portandosi sul terreno di gioco il sabato. Altri invece, contando sulle proprie forze o su ricordi dei bei tempi andati, preferivano arrivare direttamente la domenica, saltando l’acclimatamento.
Ovviamente non tutti gli Italiani sono a bordo delle loro possenti Triumph: Piero lascia la-quasi-sempre-guasta-TR7 a casa e il Presidente arrivava in Range Rover, data l’impossibilità del suo meccanico di operare l’ennesimo miracolo di rianimazione del TR6, e comunque indispensabile per contenere Bea, il suo famoso cane-cavallo!
Eccoci così, verso le 10 del mattino, con gli Italiani tutti raggruppati a TRemosine (alcuni vociferano che non sia stata scelta a caso tale località) sulla riva bresciana del lago, prima del meeting intereuropeo. Il tempo è tiranno, quindi vengono preparati velocemente, non senza qualche tensione fra Beppe e Piero (evidentemente sentono il match più di altri) i kit di benvenuto comprendenti cappellino, babbucce ed altri gadgets firmati TR Register Italy, a cui vengono aggiunte alcune bottiglie di Prosecco universalmente apprezzate.
Ma ecco, le squadre si incontrano, manifestando qualche lieve imbarazzo per la “facilità” nel comprendere i diversi idiomi, presto superato da sorrisi e cordiali strette di mano. I due Presidenti fraternizzano e, dopo gli ovvi convenevoli, si parte alla volta del lago di Toblino, facendo prima una strada più adatta ad una prova speciale che ad una passeggiata e poi il tranquillo lungolago. Gli equipaggi sembrano gradire parecchio entrambe le scelte e non ci sono problemi di sorta, se non per il povero Federico che segue Beppe la cui 6 è sprovvista di ogni tipo di illuminazione posteriore, stop compresi. Ma eccoci al parcheggio del luogo dove la sfida si fa calda, in quanto gli Italici cercano di vincere per distacco portando a mangiare gli ospiti al magnifico Castello di Toblino, risalente al sec. XII e dimora nel ‘500 del Principe Vescovo Bernardo Clesio!
Già nel piazzale la vista di una dozzina di TR, dalla 2 alla 6, attira l’attenzione del pubblico, ahinoi NON pagante, ma i contendenti decidono di rompere gli indugi andando a tavola in una delle bellissime stanze del castello per scambiarsi, come di rigore, i gagliardetti. Nessuno purtroppo si premura di far suonare gli inni nazionali, quindi, per evitare un incidente diplomatico, si passa direttamente a….. ripetuti brindisi, alcuni avvenuti dopo discorsi in inglese, altri in ceco, italiano, e addirittura un tentativo in veneto (ogni scusa sta diventando buona per svuotare il bicchiere!). Avviene anche, come da tradizione calcistica, lo scambio delle maglie!
Beh, a onor del vero sono i Cechi a donare agli Italiani alcune polo commemorative del loro tour, polo che vengono apprezzate e prontamente indossate per le foto di rito.
Ottime libagioni, gradite da tutti, ed una Nosiola (vino bianco autoctono) profumatissima aiutano parecchio a socializzare in un inglese non proprio oxfordiano ma comunque più che adatto per capirsi ed instaurare un clima di serenità e amicizia.
Dopo pranzo di nuovo all’aperto con le obbligatorie foto di gruppo e continuazione delle chiacchiere, scambi di opinioni motoristiche e promesse di contraccambiare l’incontro in Cechia, magari a Praga (tale idea è stata già proposta al ns. Vicepresidente Mario Polo che ha però sdegnosamente rifiutato un giro fuoriporta così breve!).
Il piacevole incontro sta terminando, è ora di guardare al risultato, che si rivela essere un bellissimo pareggio: il risultato più bello in questi casi…
Un grazie di cuore ai nostri amici della Repubblica Ceca per averci voluto incontrare. ARRIVEDERCI!