British Historic Vehicle Clubs

Consigli per guidare in Europa dopo la Brexit

Il sito web del TR Register UK pubblica un interessante iniziativa con articolo, che invita tutti i soci a riflettere sulle più immediate conseguenze della BREXIT, ovvero l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea.
Pubblichiamo la traduzione integrale del pezzo (tutti i diritti riservati, TR Register UK administrator) pensando che, a posizioni invertite, le riflessioni proposte siano utili anche ai nostri soci italiani, vista l’imminenza della scadenza in questione.

116-EuroMeeting-Papenburg-Germany-2018

“Tips for driving your TR in Europe after Brexit”

Sì, abbiamo menzionato la parola “B…“, scusate!
Ma è importante perché la FHBVC – la Federazione dei Club Britannici di Veicoli Storici – ha rilasciato una checklist per aiutarvi a essere sicuri di non essere “pizzicati” durante la guida in Europa quest’anno.
Ci possono essere nuovi cambiamenti nella legislazione, assicurazioni e requisiti di guida dopo la… sapete cosa.
Nessuno sa come sarà in pratica, ma sentiamo che è meglio essere preparati e condividere le informazioni ora.

Uno dei punti interessanti sollevati di seguito è la raccomandazione di revisionare il veicolo prima di dirigervi verso l’estero. Consigliamo a chiunque in possesso di una auto storica, non solo una revisione personale idonea alle strade del Regno Unito, ma soprattutto un controllo eseguito da un professionista prima di intraprendere lunghi tour.

Se pensate di portare la vostra TR attraverso il Canale della Manica o nella Repubblica d’Irlanda, quest’anno potreste essere preoccupati di cosa sarà diverso se il Regno Unito dovesse lasciare l’UE, il 29 marzo 2019, senza che nessun accordo sia stato raggiunto.
Per tutto ciò che riguarda questo argomento, dovreste innanzitutto consultare i siti web del governo, dove le informazioni vengono pubblicate regolarmente.

La FBHVC ritiene che se aveste intenzione di viaggiare dovreste considerare l’assicurazione, sia per il veicolo che
per le persone. La direttiva sulle assicurazioni non sarà più efficace e potrebbero essere apportate modifiche al modo in cui le richieste di rimborso sarebbero trattate.
Potrebbe essere necessaria una “carta verde” per visitare i paesi dell’UE e non tutti i paesi dell’UE accettano la stessa carta verde.

La vostra tessera sanitaria europea non avrà più alcun effetto. Pertanto, dovreste considerare di includere
nell’assicurazione auto anche quella sanitaria completa.

Potrebbe essere necessario che ogni conducente abbia un permesso di guida internazionale.

Dovreste esporre una targa britannica separata anche se il veicolo è identificato come registrato nel Regno Unito dalla targa europea “GB”.

La direttiva sui controlli tecnici non sarà più applicabile. Potreste sottoporre il veicolo a un test di revisione,
anche se esente, in modo di essere in possesso della prova che il veicolo ha superato un controllo tecnico nel caso fosse richiesto dalla normativa del paese in cui viaggiate.

Non tutte le Zone a basse emissioni locali attualmente esentano i veicoli storici. Possono essercene alcune che
esentano solo i veicoli storici dall’UE. Meglio controllare localmente.

La Federation of British Historic Vehicle Clubs esiste per mantenere la libertà dei suoi membri di utilizzare veicoli storici sulle strade del Regno Unito, da qui il messaggio della campagna: “I veicoli di ieri nelle strade di domani”. Il FBHVC ha oltre 550 club membri che rappresentano oltre 251.000 proprietari individuali.